Ad ottobre…prima si arrampica a Verezzi…e poi ci si tuffa a Noli!!

Condividi

Viste le splendide giornate che ci ha regalato questo fine ottobre in Liguria,abbiamo pensato ad un weekend all’aria aperta!
Sabato siamo andati ad arrampicare a Verezzi, alle Cento corde, merita anche solo per la splendida vista a picco sul mare!

Per arrivare si segue la direzione per il ristorante “il MuMa” (meglio lasciare l’auto lungo la strada principale, poiché l’ampio parcheggio sterrato è riservato al ristorante), da lì si procede a piedi lungo il sentiero sterrato, ad un primo bivio prendere quello che sale a sinistra e seguire le indicazioni verso la parete. L’avvicinamento è abbastanza breve, le pareti sono esposte al sole tutto il giorno e ci sono poche zone d’ombra, perfetta per il periodo invernale, pensavamo anche autunnale…ma non avevamo calcolato i 28° e la forte tramontana da cui ovviamente li si è al riparo.

Appena si arriva un cartello illustra le vie presenti e la loro gradazione, un po’ per tutti i gusti, anche per noi “arrampicatori semplici” (dal 4 al 6b). La falesia è piccola ma la roccia è buona, (leggermente unta in alcuni punti) e chiodata bene, anche se, per i principianti come noi, sembra esserci troppa distanza tra un chiodo e l’altro in alcune parti…poi magari è solo l’insicurezza a creare una distorsione delle distanze 🙂

Di solito iniziamo con la 9, la 10 e la 11, per noi le più semplici, ma erano occupate così ci siamo spostati alla 16 e 17…non so se sia stato per il numero..o solo per la nostra “principiantite” ma la 17 ci ha fatto tribolare nell’ultimo pezzo e alla fine stanchi e letteralmente cotti dal sole, abbiamo optato per andare a rinfrescarci con un buon gelato! La gelateria di Calice era chiusa così ci siamo spostati al Bar Centrale di Finalborgo per una bella coppa! Il modo migliore per concludere la giornata!

Domenica abbiamo optato per una soluzione più rilassante….pic nic in spiaggia con alcuni amici dell’estate e tuffo in mare!!

Per un semplice bagno bastava il costume, l’acqua non è ancora fredda, ma per un giro di snorkeling abbiamo preferito coprirci un po’… io avevo una muta che usavo in inverno per i miei passati tentativi di sup/surf… Simone si è adatto a quello che avevo nel mio cassetto mare e che è riuscito non solo ad indossare ma soprattutto a togliere dopo…con tanto di dettagli rosa e cuori…bellissimo!! 😀

Ma ne è valsa la pena, anche se ora ci sono meno pesci, le varie sfumature di blu e azzurro del mare sono impagabili, e un banco di grosse aguglie è passato proprio sotto al nostro naso!
Dopo una doccia calda, abbiamo dato fondo al buffet improvvisato sulla spiaggia, pennichella al sole e conclusa la giornata col nostro solito gelato…..quando si passa da Noli la tappa da Pappus è obbligatoria!!!

E anche questo weekend di luglio….ehm….ottobre….è andato!!
Alla prossima “avventura semplice”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *