Passo del Faiallo

Condividi

Le previsioni meteo per la giornata del 25 agosto non sono delle migliori, almeno per la zona interessata dal nostro giro in moto.

Si prevedono piogge nel pomeriggio, dalle 17:00 in avanti. Proprio per questo motivo, abbiamo studiato un tour abbastanza breve ma molto bello. 

E’ un giro ad anello con partenza e ritorno da casa di Elena, passando per il Cadibona, raggiungendo il Sassello e salendo sul bellissimo passo del Faiallo.

Ne abbiamo sempre sentito parlare ma non avevamo mai organizzato un tour che passasse da quelle zone, era proprio giunta l’ora (o meglio, ad inizio stagione c’avevamo anche provato…ma siamo stati ostacolati dalla nebbia, probabilmente portata dai troppi #ciaomilano, e avevamo improvvisato un altro giro)!

Partiamo attorno alle 11:00 e ci fermiamo a fare il pieno, le prime gocce di pioggia iniziano a scendere… ma non doveva piovere nel pomeriggio!?
Decidiamo di rischiarcela e non mettiamo gli antipioggia, per fortuna, dopo pochi chilometri, la leggera pioggia che cadeva sparisce ed iniziamo ad asciugarci. Iniziamo ad asciugarci fino a quando la vecchia statale che passa da Carcare a Cairo non inizia a viaggiare in parallelo con la strada nuova….leggermente rialzata…..e in concomitanza con una grossa pozza passa un camion…e noi vediamo l’onda che si alza….non possiamo far altro che attendere un fragoroso SPLASH…lavati completamente (se solo avessimo avuto la GoPro accesa)!!
La temperatura è più che piacevole e senza imbottiture termiche si sta benissimo.

La strada del Cadibona la conosciamo a memoria e tra traffico e velox (fate molta attenzione!) non possiamo godercela al massimo, però almeno non è un’autostrada dritta e senza curve!

Finalmente troviamo lo svincolo per il Sassello e ci incammianiamo verso la seconda meta del tour. 

Come previsto, la strada è semplice e abbastanza panoramica. L’abbiamo già percorsa diverse volte però è sempre piacevole.
Passato il paesino di Sassello, svoltiamo a destra e ci dirigiamo verso il passo del Faiallo, la meta principale del tour!

Non abbiamo mai percorso questa strada e quindi possiamo gustarci le curve che troviamo di fronte. Strada molto bella e caratteristica che ci porta ad un bivio dove iniziamo a leggere le indicazioni per il Faiallo.

Si inizia a salire e in alcuni tratti la strada si stringe senza creare troppe preoccupazioni. La temperatura inizia a scendere, anche rapidamente, non ci aspettavamo tutto questo fresco… però il passo dovrebbe essere tra poco, ci dicevamo con l’interfono.

Non ci siam sbagliati e da lì a poco, iniziamo a percorrere la strada in cima alla montagna, il panorama è spettacolare anche se il cielo è coperto di nuvole. Alla prima piazzola panoramica ci fermiamo e per scattare qualche foto.

Prima di ripartire, indossiamo l’imbottitura perchè il fresco è quasi diventato freddo e non ci andava di “soffrire” avendo preventivamente portato il necessario.

Percorriamo l’ultimo tratto di strada panoramica respirando l’aria pulita della montagna per poi tornare alla realtà solo un paio di curve più in là.

Iniziamo la discesa verso Genova Voltri, per imboccare poi l’Aurelia, direzione Savona.

Verso le 14:00 ci fermiamo in un chioschetto in riva al mare, ad Arenzano, dove pranziamo e ci rifocilliamo un po’.

Ripartiamo quasi subito perchè il tempo inizia a peggiorare e in lontananza si intravedono nuvoloni che portano acqua.

Verso le 16:00 arriviamo a casa, lasciamo in garage la moto con le borse e con quella rimanente (la mitica z650 di Ele), andiamo a prendere il meritato premio! Una bella coppa gelato!

Il nostro tour si conclude con noi che entriamo in casa e inizia il diluvio! Direi che abbiamo preso perfettamente i tempi! 

 

 

L’unica nota negativa è data dalla qualità dell’asfalto che sulla maggior parte della strada del tour è stata pessima. 
Buchi, scalini e rattoppi ovunque. Molti chilometi di strada sarebbero potuti essere decisamente molto più godibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *